Il gerone.net

Tu sei qui

Contenuto della pagina

Non il solito Blog!

Attraverso queste pagine in questo mare immenso che è la rete, si vuole dare spazio e visibilità ad un universo davvero incredibile che è quello della musica emergente.

Le potenzialità del web mettono a disposizione di chi vuole farsi conoscere tutta una serie di strumenti che possono davvero diventare una risorsa incredibile e con questo progetto, che ha rivoluzionato completamente ciò che era Ilgerone.net fino all'anno scorso, vogliamo davvero provare a dare voce a chi non riesce ad avvalersi di quei canali, diciamo convenzionali, che ormai non sono più per tutti e che, soprattutto, si avvalgono di regole ben lontane a ciò che è la musica creata e vissuta da chi ha qualcosa da dire.

Sfogliate le nostre pagine e seguiteci perchè con questa nuova veste ogni giorno arricchiremo di nuove recensioni e nuovi servizi questo sito, vecchio nell'idea di base, ma tutto nuovo per quanto riguarda le nostre idee.

Le ultime recensioni

Mi piaci

Lui le porge un drink, lei lo guarda, attraverso le lunghe sopraciglia e quegli occhi che si riflettono sul cristallo del bicchiere promettono momenti di grande intensità...

Ritmica travolgente, un testo tra l'ironico ed il sensuale e tanta classe sono gli ingredienti di questo singolo che ci regalano una Sara loreni davvero in gran spolvero!

Progetto

Lei esce da un bar di paese, una mano con unghie laccate estrae una sigaretta... i suoi movimenti sono sinuosi e la sua presenza sconvolge i passanti accendendo pensieri proibiti in tutti, lei è il desiderio segreto di ogni uomo...

Dissacrante, sensuale, realistico...

questo singolo di Melody Castellari scoperchia una serie di situazioni davvero particolari e, perchè no, dannatamente realistiche!

Starship Troopers

Il nero dello spazio siderale, sullo sfondo risalta uno zaffiro con striature candide...
Una pietra preziosa incastonata nell'ebano del vuoto spaziale, la nostra terra, che da lassù sembra galleggiare serenamente...

Un incedere lento, ma violento, proietta la fantasia di chi ascolta laddove non ci sono confini!

Un pezzo dai tratti dance, ma con una classe davvero sopraffina che viene sostenuto da un bit molto semplice, ma estremamente curato, alterna un'intro tutto rullantino e cassa che evolve in un drumming sì più pompato, ma dalle sfumature decisamente di classe.

In cerca del mio posto

Un ragazzo sta guardando la gente che passa mentre lui, da solo, beve un drink davanti al tipico bar del paese...
Sembra che ognuno abbia un suo collocamento nella vita mentre lui proprio non riesce a capire dove stare, una scintilla di dolore si accende nei suoi occhi...

Una ballad davvero intensa, nei suoi 3 minuti di durata, che ha le stigmate, ben definite, dell'introspezione.

Una chitarra acustica sorregge, con la brillantezza della pennata, tutta la traccia e, nell'intro, si coglie benissimo il gusto ed il sentimento che animano l'atmosfera.

Juliet

Gli occhi si spalancano durante la notte, il sonno agitato le ha portato sogni inquietanti ed il risveglio è come una liberazione da qualcosa che la teneva legata a sensazioni che attanagliano il cuore...

Atmosfera psichedelica e dai toni cupi, ma con un bell'impatto a livello di adrenalina!

Il singolo di Camilla Fascina si presenta con un arrangiamento tipicamente rock, con le chitarre a farla da padrone, almeno apparentemente, con arpeggi puliti nella strofa che esplodono in distorssioni graffianti nel ritornello.

Mezzo preti

Un vecchio, un po' trasandato, con l'immancabile sigaro tra le labbra, racconta, davanti al bar del paese, cosa era lui da giovane e quanti fatti a vissuto...
Sembra che tutto il mondo sia passato attraverso le sue esperienze e il bicchiere di vino, l'ennesimo, sul tavolino un po' scheggiato, è ormai vuoto...

Atmosfere quasi medioevali che trasportano chi ascolta attraverso diversi momenti storici con un'energia davvero non comune ed un livello di groove piuttosto notevole!

Io voglio volare

Un ragazzino corre nel bosco, i rami bassi lo schiaffeggiano, ma la paura è dipinta nei suoi occhi e l'importante è fuggire da colui che lo insegue...
Bisognerebbe poter volare via...

Un atmosfera quasi celtica ed un po' psichedelica anima questo singolo dei romani Lateral Blast che, con grandissima classe, hanno creato un prodotto che unisce patos e grandissima tecnica.

Un drumming di altissimo livello, pur non risultando preponderante, viene farcito da un basso morbido e profondo e scandisce, come un battito cardiaco tutta la linea del pezzo.

Tra le righe

Il sole si è già abbassato sull'orrizonte e i suoi raggi sanguigni colorano di tinte dorate la sua camera da letto, le note di un pezzo rock caricano l'atmosfera mentre, davanti allo specchio lei si prepara a tempo di musica per una serata che non dimenticherà...

Tra le righe è la prima traccia del nuovo disco di Krizia Alì e, nei quasi 4 minuti della sua durata, racchiude tutta la voglia di fare musica di questa giovane interprete.

Sottobosco

un arcobaleno disegna un arco multicolore dopo un temporale estivo, le gocce di pioggia cadono dalle foglie degli alberi mentre lei lo invita, con lo sguardo, a lasciarsi andare e poco importa cosa sarà domani, lei vuole essere sua...

Sensuale, provocante ed al contempo, di una potenza fuori dal comune...

Il singolo d'esordio di Jessica Sole ti prende e ti fa volare con la fantasia perchè in pochi minuti di pezzo troviamo di tutto:

L'ultima notte sulla terra

Una ragazza corre per la via del paese, gli occhi sono illuminati dalla voglia di vivere che anima i suoi anni ed ogni giorno lo sente come l'ultimo con tutto il suo essere che grida il suo desiderio...

Un singolo molto particolare per Marlò, che fa anche da apripista al suo nuovo album intitolato Intro.

Atmosfere molto morbide mettono in risalto il timbro vocale di Federica la quale, in maniera quasi giocosa, tratta un tema tutt'altro che banale e che vuole far riflettere su come, tutti noi, viviamo una quotidianità dai ritmi più che rutilanti!

Pagine